Arredamento

Come risparmiare energia e denaro con la caldaia giusta

caldaia a condensazione Clas Premium EVO Ariston
Scritto da House Mag

Con il corretto isolamento termico e la caldaia giusta il risparmio è assicurato

Il riscaldamento della casa incide sulla bolletta per un 60% circa durante l’anno: ecco perché scegliere una caldaia giusta può fare la differenza sul risparmio energetico ed economico domestico.

Le caldaie di ultima generazione sono più efficienti rispetto a quelle del passato, soprattutto perché tra i loro vantaggi c’è quello di essere caldaie a condensazione.

Le caldaie a condensazione: tra comfort e risparmio

Come si capisce quando è arrivato il momento di cambiare caldaia? La vita media di una caldaia, soprattutto quelle di vecchia generazione, è di 15 anni. Se noti aumenti non giustificati sulla bolletta del gas e della corrente, una delle colpevoli potrebbe essere proprio la caldaia che sta dando un segnale ben preciso: è tempo di sostituirla.

Puoi trovare anche online il modello giusto di caldaia per te: puoi partire dalla gamma di caldaie a condensazione Ariston per scegliere, in tutta calma, il modello più adatto alle tue esigenze.

Nonostante siano presenti sul mercato ancora anche le caldaie convenzionali, ti suggeriamo infatti di valutare un modello di caldaia a condensazione. Queste sono in grado di sfruttare il calore residuo dei fumi di combustione, cosa che nelle caldaie standard non avviene, perché disperso troppo presto nell’ambiente. Eviterai così anche gli sprechi e la dispersione inutile di calore, dalla quale non ricaveresti nulla, se non cifre più alte sulla bolletta.

Le caldaie a condensazione ottengono ottimi risultati lavorando con basse temperature e potenze. Perfette nelle nuove costruzioni, in abbinamento agli impianti di riscaldamento a pavimento, sono la scelta ideale anche nelle ristrutturazioni e nelle sostituzioni in presenza di impianti tradizionali e vecchi radiatori.

Con le basse temperature viene comunque garantito il comfort domestico, ma con un interessante risparmio energetico in condizioni standard. Si possono così aumentare le ore di funzionamento e il numero di elementi radianti, a seconda delle proprie necessità.

Un ottimo esempio di questo tipo di caldaia è Clas Premium EVO, un modello a parete dal design accattivante e dalle proprietà innovative. Questo modello di caldaia a condensazione, grazie alla sua tecnologia innovativa, riutilizza l’energia dei fumi di scarico, incrementando il rendimento termico ed eliminando gli sprechi.

Ricorda però che anche con il modello più innovativo di caldaia a condensazione sul mercato, per ottenere il risultato migliore, sarà necessario abbinare una corretta regolazione dei parametri della caldaia e una termoregolazione moderna, in grado di comunicare in totale sinergia con la caldaia installata.

caldaia a condensazione Clas Premium EVO Ariston

La caldaia a condensazione Clas Premium EVO di Ariston

Le migliori prestazioni partono dalle basi: l’isolamento termico

Scegliere il giusto modello di caldaia non basta: per ottenere il massimo e risparmiare energia e soldi, sono indispensabili alcuni accorgimenti e buone abitudini. L’isolamento termico è uno dei primi step da rispettare: se in casa sono presenti spifferi provenienti da porte o finestre, ad esempio, è importante sigillarli in modo definitivo, così come è necessario fare un ricambio d’aria quando il riscaldamento è spento.

Viene caldamente suggerito da tutti gli esperti di regolare la temperatura della casa su valori mai superiori ai 20° C nelle ore diurne, mentre in quelle notturne è possibile portare la temperatura anche a 16°C, soprattutto in camera da letto.

Anche la struttura in sé incide sul risparmio energetico ed economico: una casa ben coibentata, con infissi di alta qualità, cappotti termici, un corretto isolamento di tetto e pavimenti ricaverà il meglio da una caldaia a condensazione e aiuterà a risparmiare sui consumi, anche tra il 20 e il 40% in più.

E’ importante anche chiudere le finestre durante il funzionamento dell’impianto e posizionare i radiatori in punti idonei, solitamente quelli nei quali la dispersione di calore è più probabile, come sotto le finestre.

Evitiamo quindi di metterli dietro alle porte o all’interno dei mobili e di coprirli con i classici copri-caloriferi in stoffa o con le tende, tutte abitudini del passato da lasciarsi alle spalle. Se è presente una nicchia, ti consigliamo di rivestirla con un pannello isolante: otterrai così il massimo dal tuo radiatore.

Oltre agli accorgimenti suggeriti, ricordiamo sempre che è fondamentale in ogni caso far effettuare il controllo annuale della caldaia da personale qualificato per garantire la sicurezza degli abitanti della casa e tenere sotto controllo i suoi consumi che, se ben regolati, possono cambiare radicalmente le cifre sulle bollette di gas e luce.

Info sull'autore

House Mag

Arredamento e design nella pausa caffè

Lascia un commento