Vivere la casa

10 cose da sapere quando si è alla ricerca di case in vendita

Quando bisogna mettersi alla ricerca di case in vendita è necessario avere le idee chiare e non farsi incantare da annunci allettanti, ed evitare così di perdere tempo.

Per non correre il rischio di buttare via soldi, poi, bisogna anche procedere con un certo ordine e sapere quali informazioni cercare. Prima di avventurarsi nel grande mare degli annunci di case in vendita, quindi, ecco i dettagli a cui fare attenzione.

Comprare casa a occhi aperti

Acquistare un immobile non è uno scherzo, se poi si tratta della propria casa è una scelta davvero importante. Ecco perché è bene tenere presente che buttarsi con entusiasmo sul primo annuncio trovato potrebbe essere un’ingenuità che si paga cara. Prima di lasciarsi andare agli entusiasmi, ci sono alcune informazioni basilari da ottenere:

  • I metri quadrati che vengono sottolineati negli annunci delle case in vendita non sono sempre del tutto veritieri. O meglio, se leggete che la casa è di 150 mq, dovete accertarvi che si tratti della metratura calpestabile e non di quella commerciale che è sempre maggiore. Altrimenti potreste ritrovarvi con un appartamento di 130 mq pensando di poterne calpestare 150.
  • Gli impianti sono a norma? Non bisogna sottovalutare l’importanza di avere questa informazione perché nell’annuncio delle case in vendita non sempre la troverete, quindi chiedete. O rischiate di dovervi accollare successivamente una bella spesa a sorpresa. Il venditore è tenuto a dichiarare lo stato degli impianti, che siano a norma o meno. E in caso positivo, deve comunque fornire la documentazione che lo prova. Tenete presente che gli impianti realizzati o messi a norma dopo il 2008 hanno una certificazione di conformità che potete visionare.
  • Dovete informarvi sulla classe energetica dell’immobile. Chi vende casa deve mostrarvi la documentazione che attesta la classe di appartenenza: lo stabiliscono le nuove norme Ape previste dalla legge.

case in vendita, cosa controllare

Documenti e burocrazia da non trascurare

C’è il colpo di fulmine, quell’annuncio tra le case in vendita che colpisce la vostra attenzione. Poi arriva la conferma, con il batticuore quando visitate l’appartamento e cominciate a immaginarvelo vostro.

Quindi si passa alla richiesta di informazioni più dettagliate, di cui sopra. Ma non è ancora arrivato il momento del ‘Sì’.

Prima sono necessari gli ultimi particolari importanti, senza i quali è bene evitare di fare qualsiasi proposta di acquisto. Ecco le cose da sapere:

  • Dovete verificare che il venditore sia l’unico proprietario della casa. Lo potete controllare dall’ultimo atto di provenienza della casa, può essere il rogito, una successione o una donazione. Ma attenzione che non si tratti di una donazione fatta negli ultimi 20 anni: c’è sempre il rischio che qualcuno escluso da quell’atto possa reclamare diritti legittimi e prendere possesso della casa anche una volta che voi l’avete comperata. Sarebbe un bel problema.
  • Fatevi fare un minuzioso controllo su eventuali mutui e ipoteche che gravano sulla casa e quindi decidete come procedere: potete accordarvi per l’estinzione del debito in fase di vendita della casa.
  • Verificate che non ci sia un pignoramento sulla casa in vendita.
  • È indispensabile che vi informiate anche sulla situazione delle spese condominiali: se chi vi vende casa non è in regola con il pagamento, toccherà a voi saldare gli ultimi anni in sospeso.
  • Dovete accertarvi che non siano già stati deliberati degli interventi di manutenzione straordinaria, come la tinteggiatura della facciata o il rifacimento del tetto, che comporterebbero per voi nuove spese di una certa importanza.
  • Controllate che sia tutto in regola con la documentazione urbanistica: che l’immobile sia accatastato e che la planimetria rispecchi la situazione di fatto, che non ci siano abusi edilizi e difformità che dovrebbe sanare il proprietario prima di mettere la casa in vendita.

Potrebbero anche interessarti...

Nessun commento

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.