Blog

L’Hotel Bernini Palace di Firenze mostra il suo volto rinnovato

Dopo diversi mesi di lavori di restauro torna a brillare la facciata principale dell’Hotel Bernini Palace, un tempo luogo di residenza di senatori e parlamentari della Camera.

Un restauro voluto dal Gruppo Duetorrihotels, del quale il Bernini fa parte, in un’ottica di valorizzazione delle proprie strutture, tutte collocate in edifici dal riconosciuto valore artistico ed architettonico, e che si inserisce nel contesto delle celebrazioni per i 150 anni del trasferimento della capitale nel capoluogo toscano.

Hotel Bernini Palace ristrutturazione 5

L’Hotel, che ha nella sua Sala Colazioni l’ex Buvette del Parlamento, dove si riunivano i protagonisti del Risorgimento Italiano, è infatti uno dei più vividi testimoni della Firenze risorgimentale.

L’Hotel Bernini Palace è custode della memoria più antica di Firenze. Ne è testimonianza la lastra di marmo che sulla facciata porta i versi del canto XVI del Paradiso dantesco («Nel piccol cerchio s’entrava per porta che si nomava da qué della Pera»), che si riferiscono alla “Porta della Pera”, che dal Borgo dei Greci, dominio incontrastato della potente famiglia dei Peruzzi in città, conduceva all’Anfiteatro romano.

“Il Gruppo Duetorrihotels, del quale il Bernini fa oggi parte, ha intrapreso dal 2010 una serie di lavori di recupero e migliorie delle proprie strutture. Nelle sale del Bernini, in particolare nella Buvette del Parlamento, si intrattennero in appassionati conversari Cavour e Giolitti, Lamarmora e Gioberti: mura che sono testimonianza vivida del nostro passato, e che la proprietà ha deciso di preservare e restituire all’antico splendore in una struttura 5 stelle che è un nostro vero e proprio vanto”.

Con queste parole Franco Vanetti, General Manager del Gruppo Duetorrihotels, ha espresso la propria soddisfazione per la fine dei lavori di risanamento e restauro delle facciate dell’Hotel Bernini Palace.

Hotel Bernini Palace ristrutturazione 1

Il cinque stelle di Firenze, a pochi passi da Palazzo Vecchio, è in ordine temporale l’ultimo dei progetti di rivalorizzazione del gruppo alberghiero.

Un intervento coordinato dall’Architetto Davide Plaisant e programmato da tempo dal Gruppo Duetorrihotels, che ha posto al centro della propria mission la conservazione e la valorizzazione del patrimonio nel quale i suoi quattro luxury hotel sono inseriti: palazzi storici, nel cuore di 4 città d’arte – Firenze, Bologna, Verona e Genova –, preziosi testimoni di storia e cultura.

Il caso dell’Hotel Bernini Palace è emblematico. Costruito sui resti degli edifici tre-quattrocenteschi della famiglia Della Pera, intorno alla metà del 1800, l’edificio ospitò l’elegante “Albergo dello Scudo di Francia”, trasformato poi tra il 1865 ed il 1870, ai tempi di Firenze Capitale del Regno d’Italia, in “Hotel Parlamento”, luogo di soggiorno e residenza da parte dei Parlamentari degli adiacenti Palazzo Vecchio e Palazzo Pitti.

Anche per questo l’Hotel è stato recentemente inserito in “Locali Storici d’Italia”, che riunisce gli spazi più antichi e prestigiosi che sono stati protagonisti della storia d’Italia.

Hotel Bernini Palace ristrutturazione 3

Il restauro odierno, che segue di alcuni anni i lavori che riportarono alla luce il magnifico loggiato interno cinquecentesco, ha da un lato puntato al ripristino ed alla conservazione di tutti gli elementi architettonici e decorativi originali di pregio, e dall’altra alla rimozione di tutti gli elementi incongrui con il valore compositivo delle facciate.

Un risanamento complessivo dei prospetti dell’immobile, finalizzato a restituire allo stabile l’eleganza e il decoro originario.

Focus on: il restauro

Tra gli interventi di maggior evidenza, l’utilizzo del “color pietra forte” per tutti gli elementi in rilievo delle facciate, scelta dettata dalla volontà di armonizzare l’immobile nel contesto di Piazza San Firenze, fortemente caratterizzato dai prospetti di Palazzo Vecchio, di Palazzo Gondi e del Palazzo di Grazie e Giustizia, realizzati proprio con questa arenaria, molto comune nella tradizione storica fiorentina.

Per il rifacimento di tutte le estese porzioni di intonaco e delle bozze degradate, si è optato per una malta di sola calce idraulica e componenti naturali, con caratteristiche di alta traspirabilità e totale compatibilità con le vecchie malte.

Per la scelta delle finiture l’intervento è stato supportato da una attenta lettura degli elementi costitutivi delle facciate e delle architetture al contorno, che ha permesso di “dosare” con equilibrio le scelte cromatiche e di finitura applicabili al caso specifico.

Hotel Bernini Palace ristrutturazione 2

Per maggiori informazioni: Hotel Bernini Palace

Potrebbero anche interessarti...

Nessun commento

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.