Organizzazione

Il metodo KonMari: da dove iniziare

metodo konmari
Scritto da House Mag

Le basi del metodo che ha rivoluzionato il modo di mettere in ordine la casa

Abbiamo già parlato di decluttering qui e qui, ma fare spazio in casa ha anche un altro, ormai celebre nome!

Ne avrete sentito parlare spesso nell’ultimo anno: il metodo KonMari, inventato dalla guru del cleaning Marie Kondo, ha conquistato il mondo attraverso la pubblicazione del best-seller “The Life-Changing Magic of Tidying Up: The Japanese Art of Decluttering and Organizing”, edito in Italia con il titolo “Il magico potere del riordino: Il metodo giapponese che trasforma i vostri spazi e la vostra vita”.

Un metodo che promette di riportare ordine, luce e gioia in casa (e forse nella vita), attraverso tanti piccoli trucchi, applicati però con particolare rigore.

Tutto molto interessante, ma all’atto pratico… da dove si inizia?

Secondo il metodo KonMari non bisogna procedere per stanza, ma per categoria di oggetti, rigorosamente in questo ordine: vestiti, libri, carte e Komono (ovvero… miscellanea).

Ogni cosa appartiene quindi a una macro o sotto-categoria e viene caldamente consigliato di raccogliere tutti gli oggetti appartenenti alla stessa categoria, disporli sul pavimento -o comunque su una superficie piana, che può essere il letto o un tavolo- e analizzarli uno a uno, scegliendo la loro sorte.

metodo konmari cassetto

Foto Shifrah Combiths

Prima di decidere cosa tenere e cosa buttare, e prima di lasciarvi andare ai ricordi, domandatevi: “mi rende felice?”

Questo è un punto chiave del metodo KonMari: bisogna circondarsi di cose belle, che ci ricordino momenti felici e che, guardandole, facciano provare gioia e benessere.

Quindi buttiamo via quel paio di jeans che ci ripromettiamo da due anni di indossare quando avremo perso 5 kg (facendoci sentire nel frattempo inadeguati/e), via quei libri che prendono polvere e non apriamo da dieci anni, via quella scatola piena di foglietti, nastri, penne e oggetti di varia natura che rimane chiusa da mesi.

Non tutto va buttato nella spazzatura, anzi, quando possibile consigliamo caldamente di donare, regalare o rivendere ciò che non si usa più, ma in alcuni casi l’unica risposta possibile, purtroppo, è proprio il secchione dell’immondizia!

Tutto in una volta

Il metodo KonMari non perdona: è meglio applicarlo tutto in una volta, anche se questo vorrà dire impiegare un’intera giornata nell’intento.

Rimandare o dividere in troppe fasi il metodo sembrerebbe infatti il modo migliore per fallire nell’intento. E se lo dice madame Marie Kondo, chi siamo noi per contraddirla?

Vestiti

Quanti vestiti sono fermi nell’armadio da mesi, se non anni? Oltre ai vestiti anche quelle calze che sono spaiate da mesi, l’intimo con gli elastici ormai andati, sciarpe che abbiamo messo l’ultima volta nel lontano 2005… via tutto.

Nell’armadio devono rimanere solo i vestiti che si indossano regolarmente nelle stagioni Primavera/estate e Autunno/Inverno. Tutto il resto deve sparire.

Anche il modo in cui si piegano e appendono i vestiti è importante, ecco qualche immagine dimostrativa del metodo KonMari per portare la gioia zen nell’armadio:

metodo konmari collage

Foto One Kings Lan

metodo konmari intimo ripiegato

Foto Korysno

ripiegare vestiti metodo konmari

Foto Goop

metodo konmari cassetti vestiti

Foto Bucktooth Mama

Video

Il metodo di Marie Kondo per ripiegare l’intimo:

Per ripiegare le magliette:

Per ripiegare i pantaloni:

Per ripiegare maglioni e felpe:

Libri

A noi di House Mag piacciono le librerie piene e le case straripanti di libri, ma in effetti negli anni si rischia di accumulare una buona quantità di titoli che non leggeremo mai più e che portano solo via spazio, accumulando polvere.

Il mercato dei libri usati, ad esempio, è attivissimo, ma anche le associazioni, i club letterari, il bookcrossing e le biblioteche possono essere buone scelte per “liberare” i libri che a noi non servono più.

metodo konmari libri ordinati

Foto Just a Girl and Her Blog

Fogli, foglietti, carte sparse

I grandi nemici del disordine, che spuntano in tutti gli angoli della casa, dalla scrivania alle librerie, dal frigo ai cassetti. Vecchi scontrini, fotocopie, appunti volanti, liste stampate: tutte cose che non degniamo di uno sguardo da mesi, ma che continuano a rendere più disordinata e affollata la casa e la nostra vita.

In questo caso nessuna pietà, l’importante è salvare i documenti importanti, il resto va buttato.

metodo konmari carta

Foto Récrétariat

Komono

La miscellanea è forse la parte più complicata da sistemare, perché comprende veramente di tutto.

Ognuno sa cosa porta disordine nella propria casa, l’importante è tenere a mente un altro consiglio che fa parte del metodo KonMari: prima di rimettere tutto in ordine, butta via subito tutte le cose scartate, evitando di accumularle in garage o in uno scatolone!

Info sull'autore

House Mag

Arredamento e design nella pausa caffè

5 Commenti

Lascia un commento