risparmio energetico consigli casa
Casa green

Tutto quello che devi sapere sul risparmio energetico

Il risparmio energetico

L’energia elettrica e il gas sono risorse preziose per la casa, perché servono a illuminare, riscaldare e a far funzionare gli elettrodomestici, ma per avere le massime prestazioni e minori consumi bisogna avere impianti efficienti e a basse emissioni inquinanti, nonché infissi che evitino la dispersione del calore.

Evitare gli sprechi e rendere efficiente l’impianto domestico sono i due elementi più importanti. Il primo può essere ottenuto con un uso attento e, soprattutto, con la buona abitudine di spegnere gli interruttori quando non si adoperano gli apparecchi e la luce, mentre per l’ottimizzazione delle risorse bisogna pensare agli impianti, sostituendoli qualora siano vecchi oppure presentino problematiche nel funzionamento.

A supporto dell’efficientamento ci sono anche i lavori di sistemazione degli infissi. Si svolgono una serie di interventi per evitare la fuga del calore o dell’aria fredda dei condizionatori. Si acquistano apparecchi di classe energetica elevata volti a garantire prestazioni ottimali con basse emissioni inquinanti per l’ambiente e la salute umana.

Le agevolazioni

A fronte dell’esigenza di adottare sistemi atti a consentire il risparmio energetico, lo Stato e il Fisco aiutano il contribuente. Sono stati prorogati i benefici concessi in questi ultimi anni per acquistare e posare impianti e materiali utili a ridurre i consumi senza far mancare le performance.

Si tratta dell’opportunità di recuperare il 65% dei costi sostenuti per l’acquisto dei materiali e delle apparecchiature e per l’esecuzione dei lavori. Si riportano i costi pagati all’interno della dichiarazione dei redditi, recuperando la percentuale prevista negli anni, detraendola dal pagamento dell’Irpef.

Vanno seguite le procedure indicate dalla Legge Finanziaria, perché si devono esibire i documenti richiesti dalla norma, emessi dai fornitori con determinate diciture. Grazie ai vantaggi fiscali si possono svolgere le opere di ristrutturazione e di acquisto di apparecchiature migliori spendendo una cifra ancora più contenuta rispetto al loro prezzo.

Il risparmio energetico, però, non deve far dimenticare un aspetto importante legato ai costi: l’importo della bolletta della luce e del gas.

Risparmiare sulla fattura energetica

Oltre a effettuare interventi di efficientamento sugli impianti e sulla struttura della casa, si può cambiare il contratto di fornitura per trovare condizioni più convenienti.

Grazie al Decreto Bersani del 1999 è possibile passare da un operatore a un altro senza oneri economici e senza neppure trasmettere la disdetta, che viene comunicata dalla nuova impresa scelta all’atto della firma del contratto di fornitura di luce e gas.

Per questa ragione è molto semplice cambiare impresa, accedendo alla tariffa migliore per le proprie esigenze di consumo domestico. Adottando le due soluzioni, quella dell’impiantistica e quella contrattuale, si ottiene un risparmio sotto tutti gli aspetti, riducendo i consumi e le spese.

Il beneficio si traduce in un miglioramento della vita tra le mura domestiche e la maggiore disponibilità di risorse. Si devono stabilire i propri consumi, leggendo la quantità di energia (gas o luce) adoperata nell’ultimo anno dalla bolletta ricevuta, e quindi ragionare sulle proprie abitudini, verificando gli orari in cui si utilizzano maggiormente le risorse energetiche.

Si usufruisce così di tariffe monorarie o biorarie. Le prime offrono lo stesso prezzo di giorno e di notte, le seconde differenziano i costi, permettendo una riduzione nelle ore serali e notturne.

La nuova proposta del mercato

Si chiama Wekiwi Energia ed è un’azienda digitale che offre, come risulta dalle ricerche effettuate, le migliori tariffe del mercato libero dell’energia. Si occupa di luce e di gas e abbina proposte per i privati a quelle dedicate alla clientela business. I prezzi praticati sono più bassi perché operando sul web contiene i costi e trasferisce i benefici sui piani tariffari per i consumatori.

Non utilizzando i canali tradizionali, riesce a ridurre la quota delle spese di gestione, fattore che contribuisce a determinare l’importo delle bollette.

La scelta di affidarsi a Wekiwi, però, non è motivata solamente dai prezzi bassi, ma dai diversi servizi offerti, pensati per una gestione autonoma da parte del cliente. La funzionalità assicura la massima efficienza nell’impiego delle risorse e del disbrigo delle pratiche per i pagamenti e per il controllo dei consumi. In questo modo si risparmiano denaro e tempo.

I vantaggi di Wekiwi

L’utilità dei servizi proposti insieme ai prezzi bassi è certamente un elemento da valutare con attenzione, perché si può avere un rapporto più diretto con il fornitore e inoltre verificare facilmente l’andamento dei consumi e del contratto, in totale trasparenza.

Le opportunità riservate da Wekiwi Energia:

  • con l’App e il SelfCare dell’operatore si gestisce direttamente la fornitura, senza l’intervento di intermediari;
  • sul web si monitorano i consumi in modo costante;
  • le fatture vengono trasmesse tramite posta elettronica e il cliente decide quante riceverne nell’arco dei dodici mesi, domiciliando i pagamenti sul proprio conto corrente, così da evitare di dimenticare le scadenze;
  • il consumatore decide la carica utile a definire l’importo mensile addebitato in bolletta in assenza della lettura del consumo da parte del fornitore. Con questo sistema non si devono pagare stime arbitrarie, ma si corrispondono acconti, a cui aggiungere eventuali conguagli successivi alla comunicazione da parte del distributore dei dati di lettura al consumatore.

Potrebbero anche interessarti...

Nessun commento

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.