Casa green

Come scegliere la stufa a pellet per la tua casa

Forse l’avrai notato sulle riviste di settore, su Pinterest o sui blog specializzati: le stufe a pellet stanno vivendo una vera e propria seconda giovinezza!

In un periodo nel quale si stanno cercando alternative più ecologiche ed economiche al classico riscaldamento a metano per rendere calda la tua casa nei mesi autunnali e invernali, questa tipologia di stufa si conferma una delle alternative più valide.

Le stufe a pellet, senza la presenza di una canna fumaria, hanno il grande vantaggio di poter essere inserite in una stanza senza bisogno di interventi strutturali importanti o di installazioni particolarmente complicate.

Puoi inserirla in quasi tutte le stanze della casa, dalla cucina allo studio, passando per la zona living.

Trovare il giusto modello è un passaggio importante da valutare con attenzione e la risposta a stufe in ghisa, al vecchio camino o a stufe con canna fumaria.

Scelta dello stile

Il bello della stufa a pellet è che può diventare il cuore della casa, un punto focale intorno al quale girano le attività dei suoi abitanti che possono godere del suo calore.

Per la scelta del modello è fondamentale scegliere uno stile che ben si abbini all’arredamento e anche al mood della casa.

Che sia tradizionale o moderno, puoi trovare un’ampia scelta di modelli su Convienesempre, incluse le stufe a pelle Nordica, perfette per chi, come noi di House Mag, ama lo stile scandinavo e moderno.

Le linee pulite e il design elegante le rendono comunque ideali anche per arredamenti più rustici o industrial, soprattutto se si vuole creare un bel contrasto di stili mantenendo l’ambiente accogliente.

stufa-a-pellet-iside-nordica

Stufa a pellet Iside by Nordica

Vantaggi

Vediamo insieme quali sono i vantaggi delle stufe a pellet:

  • E’ un metodo di riscaldamento ideale per chi trascorre molte ore in casa
  • Grazie alla presenza del termostato gestire la temperatura desiderata è facile
  • Il pellet in Italia è ancora un materiale che costa meno se rapportato a metano e altri combustibili, nonostante il suo prezzo sia aumentato negli ultimi anni
  • Puoi fare grandi scorte di pellet individuando durante l’anno i periodi nei quali costa meno, a volte con differenze di prezzo notevoli
  • Buona autonomia: in molti modelli è sufficiente alimentare la stufa a pellet e si avrà una resa di 15 ore circa in media
  • Si trovano sul mercato modelli molto belli esteticamente. Anche l’occhio vuole la sua parte!
stufa-a-pellet-rosy-nordica

Stufa a pellet Rosy by Nordica

Aspetti da valutare

Cosa devi sapere per ottenere il meglio dall’esperienza con la stufa a pellet:

  • L’investimento iniziale, a seconda del modello acquistato, può essere un po’ alto, ma nel tempo verrà ammortizzato dal risparmio energetico
  • I sacchi di pellet, soprattutto se si fa un uso intensivo della stufa e/o si vive in luoghi dalle temperature invernali rigide, occupano spazio. E’ quindi una buona idea pensare ancora prima dell’acquisto della stufa a dove verranno posizionate le scorte. Nonostante i sacchi di pellet siano venduti sigillati è bene conservarli in un luogo asciutto, il più possibile lontano dall’umidità che rischia altrimenti di ridurne la presa.
  • Le moderne stufe a pellet sono dotate di sistemi di ventilazione e termostato per garantire un’esperienza di alta qualità. Tienilo sempre presente in caso di malfunzionamento o assenza di corrente elettrica.
stufa-a-pellet-emma-nordica-2

Stufa a pellet Emma by Nordica

Potrebbero anche interessarti...

Nessun commento

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.