ristrutturazione casa preventivi da confrontare
Architettura & Ristrutturazioni

Ristrutturare casa: i vantaggi di confrontare preventivi

Ristrutturazione casa: una sfida intrigante, che può riservare brutte sorprese per chi non si prepara adeguatamente. Ecco perché abbiamo pensato ad una guida con tutte le informazioni per te che devi ristrutturare casa. Se cerchi consigli pratici per il tuo progetto e ti chiedi come risparmiare senza rinunciare alla qualità, concedici solo qualche minuto del tuo tempo.

Ristrutturare casa: cosa fare per non sbagliare?

Come conferma il portale specializzato Ristrutturare-casa.org, ogni progetto di ristrutturazione è un caso a sé, che dipende sia dalle caratteristiche specifiche dell’immobile, come anche dal budget e dalle aspettative del proprietario. Ma le ditte e i professionisti del settore attestano che ci sono alcune regole comuni che permettono di abbattere i rischi di errore. Ecco una check list da spuntare per ristrutturare casa senza incappare in brutte sorprese:

  1. In caso di ristrutturazione straordinaria incarica un professionista in grado di svolgere le mansioni burocratiche di apertura e chiusura pratica e di redigere un progetto.
  2. Individua sulla base del progetto un budget di spesa, comprensivo anche dell’onorario del geometra/architetto/ingegnere, che sarà il parametro per confrontare i successivi preventivi delle varie ditte e il capitolato riassuntivo.
  3. Sulla base dei preventivi e del capitolato – dove saranno presenti costi, materiali usati, tempistiche di messa in posa ed eventuale rateizzazione di pagamento – incarica la ditta che dovrà svolgere i lavori edili e quelli per i vari interventi su impianto idraulico, elettrico etc.
  4. Monitora i lavori ed informati sia con il capo cantiere che con il professionista dello stato di avanzamento e di eventuali problematiche in corso d’opera.
  5. Il professionista si adopererà per la comunicazione di fine lavori all’ufficio di competenza del Comune, mentre dovranno essere rilasciate dai professionisti al committente le certificazioni a norma di Legge per gli impianti. In caso di variazione catastale dovrà essere prodotta apposita denuncia all’Agenzia del Territorio.

Ristrutturare casa: quali permessi sono necessari?

Un capitolo a parte merita la procedura burocratica relativa alla ristrutturazione di casa. Quali sono i permessi necessari e cosa dice la normativa vigente? Per sgombrare il campo da qualsiasi dubbio conviene rifarsi all’art. 3 del D.P.R. n. 380/2001 (Testo Unico Edilizia) che definisce gli interventi di ristrutturazione edilizia come quelli finalizzati a: “trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente. Tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell’edificio, l’eliminazione, la modifica e l’inserimento di nuovi elementi ed impianti. Nell’ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi anche quelli consistenti nella demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria di quello preesistente…”. In base quindi alla tipologia di intervento saranno necessari o meno dei titoli abilitativi. Vediamo quali sono i principali e a cosa si riferiscono:

  • Nessun permesso o documentazione per interventi di manutenzione ordinaria finalizzata alla riparazione o al rinnovamento, come la sostituzione di intonaci, pavimenti, infissi, apparecchi sanitari etc.
  • Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata: è relativa ai lavori di manutenzione straordinaria leggera che non coinvolgono parti strutturali dell’immobile. Qualche esempio di interventi per i quali è richiesta la CILA: apertura/chiusura di porte interne, rifacimento di uno o più impianti p.e. fognario, elettrico, condizionamento etc…
  • Segnalazione Certificata di Inizio Attività: interventi anche su parti strutturali dell’immobile, che però non comportano modifiche alla destinazione d’uso, prevedono la presentazione della SCIA e della documentazione accessoria redatta da un professionista abilitato.
  • Concessione edilizia: per la modifica dei volumi interni, l’apertura di finestre su facciata, la costruzione di balconi e in generale per la manutenzione straordinaria pesante anche la burocrazia diventa più complessa.

Ristrutturare casa: come valutare un preventivo?

Un preventivo ben fatto deve essere dettagliato e in linea con gli effettivi prezzi di mercato. Una ditta seria effettuerà uno o più sopralluoghi per verificare lo stato dei luoghi, quindi sarà in grado – anche in base al progetto – di realizzare delle stime dei costi e dei tempi.

Valuta quindi nella lettura del preventivo tutti i dettagli che l’impresa è obbligata a riportare: a cominciare dalla ragione sociale (che ti permetterà di verificare la sua iscrizione alla Camera di Commercio), passando per i materiali usati, la data di inizio e di fine lavori, per arrivare alla suddivisione di acconto e saldo per il pagamento.

Ristrutturare casa: i vantaggi di confrontare più preventivi

Perché avere più preventivi è garanzia di risparmio? Perché è l’unico vero modo che puoi mettere facilmente in pratica per individuare la miglior soluzione in termini di rapporto fra qualità e prezzo. La ditta giusta infatti dovrà soddisfare tutte le tue aspettative in fatto di costi, servizi offerti, serietà e affidabilità.

Ristrutturare-casa.org può essere un valido alleato per richiedere preventivi online perché ti permette di contattare i professionisti di zona più qualificati gratis e senza impegno.

You Might Also Like...

No Comments

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.